a pioggia

loc. agg. inv. (fig.) in modo indiscriminato e casuale.
1979 [Cortelazzo-Cardinale 1980]
- R. Tian, "Il Dramma", LV, 11-12, 1979, p. 28: "[...] dotare il settore della sperimentazione e ricerca delle attrezzature e degli strumenti di cui avrebbe bisogno piĆ¹ ancora che delle sovvenzioni a pioggia o dei "visiting professors".
Cfr. P. D'Achille, Parole nuove e datate. Studi su neologismi, forestierismi, dialettismi, Firenze, Cesati Editore, 2012. Il volume analizza e retrodata termini dell'italiano contemporaneo, attraverso il recupero di periodici d'annata, volumi e articoli della lessicografia recente.
---
Scheda di redazione - 04/12/2019