accetto

agg. che è ricevuto, accolto volentieri, benevolmente; gradito, beneaccetto; giudicato valido.
XIII sec. ex. [GRADITe av. 1321]
- Libro dei Sette Savi, XIII sec. ex. (tosc.): " oggi di molto sono acciete alla brigata l'adorne e morbide e amorevole parole, e sono sopra a ogni altra cosa atrative delli uomini, quando con sapienzia e vertù so' dette e sempre governarsi col vero".
- DANTE Alighieri, Commedia, Par., c. 14.93, av. 1321 (fior.): "E non er' anco del mio petto essausto / l'ardor del sacrificio, ch'io conobbi / esso litare stato accetto e fausto...".
Vai alla voce del TLIO
---
Scheda di redazione - TLIO - 25/07/2022