adamante

s. m. (min.) diamante.
av. 1276 [GRADITe av. 1321]
- Guido GUINIZZELLI, Rime, av. 1276 (tosc.): "Amore in gentil cor prende rivera / per suo consimel loco / com'adamàs del ferro in la minera".
- DANTE Alighieri, Commedia, Par. c. 2.33, av. 1321 (fior.): " Parev'a me che nube ne coprisse / lucida, spessa, solida e pulita, / quasi adamante che lo sol ferisse".
Vai alla voce del TLIO
---
Scheda di redazione - TLIO - 03/06/2022