aguzzo

1 agg. acuminato, fornito di punta.
1271-1280 [GRADITe av. 1321]
- Bonvesin da la Riva, Opere Volgari, sec. XIII tu.d. (lomb.): "Li ferr aguz e ardenti, ke i passa 'l doss e 'l pegio, / E scorpïon e bisse e zoffreg è il so legio...".
- DANTE Alighieri, Commedia, Inf. , c. 17.1, av. 1321 (fior.): "Ecco la fiera con la coda aguzza, / che passa i monti e rompe i muri e l'armi! / Ecco colei che tutto 'l mondo appuzza!".
Vai alla voce del TLIO
---
Scheda di redazione - TLIO - 03/06/2022
2 agg. (fig.) perspicace, penetrante.
1301 [GRADITe av. 1321]
- Cronica deli imperadori, 1301 (venez.): "Questo de generacion de Persia, aguzo de inzigno, de cuostumi barbaro, Manes in prima dito, ma per aietto, zoè per sovra nome, Manichio se disse".
- DANTE Alighieri, Commedia, Par., c. 16.57, av.1321 (fior.): "Oh quanto fora meglio esser vicine / quelle genti ch'io dico, e al Galluzzo / e a Trespiano aver vostro confine, / che averle dentro e sostener lo puzzo / del villan d'Aguglion, di quel da Signa, / che già per barattare ha l'occhio aguzzo!".
Vai alla voce del TLIO
---
Scheda di redazione - TLIO - 03/05/2022