anfitrione

s. m. padrone di casa ospitale e generoso.
1868-69 [DELIN e GRADIT 1876 (Rigutini)]
- Giuseppe ROVANI, Cento anni, 1868-69, libro XVIII: "Non si è mai sentito a dire che un Anfitrione sia stato bastonato dai commensali, nemmen quando il pranzo è riuscito cattivo".
Cfr. Gianluca Biasci, Retrodatare con il RALIP. Mille retrodatazioni da opere narrative tra Otto e Novecento, Roma, Aracne, 2012.
---
Scheda di redazione - 24/10/2018