borbottare a mezza voce

loc. verb. dire confusamente, spec. tra sé e sé, con voce né troppo alta né troppo bassa.
1883 [DELIN 1961]
- Carlo COLLODI (Carlo LORENZINI), Le avventure di Pinocchio, 1883, cap. I: "Appena mastro Ciliegia ebbe visto quel pezzo di legno, si rallegrò tutto e dandosi una fregatina di mani per la contentezza, borbottò a mezza voce".
Cfr. Gianluca Biasci, Retrodatare con il RALIP. Mille retrodatazioni da opere narrative tra Otto e Novecento, Roma, Aracne, 2012.
---
Scheda di redazione - Firenze, Liceo Machiavelli - 25/10/2018
supervisore Francesca Cialdini - UniFI