coup de foudre

loc. sost. m. inv. (fr.) colpo di fulmine.
1901 [GRADIT 1905]
- Antonio FOGAZZARO, Piccolo mondo moderno , cap III: "- Lei non ha veduto ancora niente - fece Maironi. - Niente, dice! Non ho veduto niente quando sono arrivato in carrozza perché avevo paura di pigliarmi un malanno grazie ai capricci di mia sorella che vuole la pelliccia, ma vuole anche la pioggia e il vento [...]; ma ritornando a piedi, adesso, ho avuto le coup de foudre.Capite, basta uno sguardo".
Cfr. Gianluca Biasci, Retrodatare con il RALIP. Mille retrodatazioni da opere narrative tra Otto e Novecento, Roma, Aracne, 2012.
---
Scheda di redazione - Firenze, Liceo Machiavelli - 05/11/2018
supervisore Francesca Cialdini - UniFI