fiaba

s. f. racconto fantastico.
av. 1311 [DELIN e GRADIT 1618]
- Giordano da Pisa, Esempi, av. 1311: "la sirena non รจ nula, se no che se mete in luogo de fiaba per amaistramento: como molte favole se trovano de le bestie, [...] per esemplo e amaistramento".
Cfr. Luigi Matt, Sulle prime attestazioni dei vocaboli nei dizionari, in "Studi linguistici italiani", vol. XXVIII, f. 2, 2002, pp. 272-297.
---
Scheda di redazione - Firenze, Liceo Machiavelli - 22/08/2018
supervisore Francesca Cialdini - UniFI