impriapito

agg. rigido come le statue falliche.
1878 [GRADIT av. 1910]
- Carlo Dossi, La desinenza in A, si cita da Id., Opere, a cura di D. Isella, Milano, Adelphi, 1995, p. 895: "[...] a tale odore, i capelli mi si drizzĂ rono impriapiti e mi trovĂ i sbottonato".
Isella registra il verbo come forma propria di Dossi (cfr. D. Isella, La lingua e lo stile di Carlo Dossi, Milano-Napoli, Ricciardi, 1958, p. 132).
---
Ludovica Maconi - UniUPO - 14/07/2017