osteomorfo

agg. che ha forma d'osso.
1774
- Alberto Fortis, Viaggio in Dalmazia, 1774, cit. da Luca Clerici (a cura di), Scrittori italiani di viaggio. Volume primo 1700-1861, Milano, Mondadori, 2008, p. 1378: "Que' corpi tubulosi, osteomorfi, cangiati in spato calcareo, resistono colaggi├╣ precisamente come fanno sul lido del mare all'erosione dell'acque".
Cfr. Mario Piotti, Retrodatazioni di viaggio, in "Italiano LinguaDue", vol. V, n. 1, 2013, pp. 207- 242.
Vedi il collegamento esterno
---
Scheda di redazione - Firenze, Liceo Machiavelli - 06/06/2018
supervisore Francesca Cialdini - UniFI