sragionare

v. intr. ragionare male, fare ragionamenti sconnessi.
1798 [DELIN 1863 (Fanfani)]
- "Gazzetta Nazionale della Liguria", 11 agosto 1798, p. 74, colonna 2: "Tu sragioni, e i sragionamenti, dice Mably, e Queirolo, non sono ragioni".
Cfr. Fiorenzo Toso, Nuove retrodatazioni da testi del periodo rivoluzionario (1797-1806), in "Lingua e stile", vol. XLIV, f. 2, 2009, pp. 209-230.
---
Scheda di redazione - Firenze, Liceo Machiavelli - 12/06/2018
supervisore Francesca Cialdini - UniFI