trac

voce onomatopeica indicante qualcosa che si rompe.
1870 [DELIN e GRADIT 1970]
- Carlo Dossi, Vita di Alberto Pisani, si cita da Id., Opere, a cura di D. Isella, Milano, Adelphi, 1995, pp. 146, 188: "Al trac della porta che si chiudea dietro di lui»; «Ma, quasi contemporaneamente, udissi un trac nella stanza".
---
Ludovica Maconi - UniUPO - 07/09/2017