tragico

agg e s. m. tragediografo.
av. 1332 [DELIN av. 1565]
- Alberto della Piagentina, Il Boezio volgarizzato, av. 1332: "non con iniuria quel tragico disse: La gloria in migliaia d'uomini nulla esser altro, che grande enfiamento d'orecchi". [s. m.]
- Mario Equicola, Natura de amore, av. 1525: "Seneca tragico, poeta dignissimo". [agg.]
- Niccolò MACHIAVELLI, Lettere, 1525: "Niccolò Machiavelli historico, comico, et tragico". [agg.]
Cfr. Luigi Matt, Sulle prime attestazioni dei vocaboli nei dizionari, in "Studi linguistici italiani", vol. XXVIII, f. 2, 2002, pp. 272-297.
---
Scheda di redazione - Firenze, Liceo Machiavelli - 05/09/2018
supervisore Francesca Cialdini - UniFI