tutto pepe

loc. agg. inv. (fig.) di qcn., molto vivace, brillante, dinamico.
1729 [DELIN 1862 (Fanfani)]
- Bernardo Saddumene (pseud. di Andrea Belmudes), La Baronessa, o vero Gli equivoci. Commedia da rappresentarsi al Teatro de' Fiorentini in quest'inverno del corrente anno 1729, Napoli, si vendono nella Libraria di Giovanni Palmiero a Fontana Medina, 1729, III, 8: "Quann'io t'ho ritrovato un Vecchiarello, / ch'├Ę tutto pepe".
Cfr. Fabio Rossi, L'italiano (buffo) pregoldoniano: tra "Umgangssprache" e "B├╝hnensprache", con oltre cento retrodatazioni, in "Studi di lessicografia italiana", vol. XXXVIII, 2021, pp. 173-219.
---
Scheda di redazione - 14/09/2021